12 gennaio 2017

Torta greca - Tradizioni mantovane




La pasticceria a Mantova è “una cosa seria”!

E’ particolare, ricca di proposte e molto probabilmente dobbiamo ringraziare, oltre alla corte dei Gonzaga e alla tradizione contadina, anche una famiglia di pasticceri svizzeri, del cantone dei Grigioni,i Putscher, che dalla fine del settecento aprirono i loro laboratori nel centro della città

E’ grazie a loro se oggi a Mantova festeggiamo il Natale con l’Anello di Monaco o cantiamo "tanti auguri a te" con le candeline accese sulla torta Helvetia, composta da dischi di pasta preparata con mandorle e farciti con crema e zabaione.

Forse dobbiamo a lui anche la torta Greca, che racchiude in un guscio di pasta sfoglia un ripieno di mandorle, o forse dobbiamo quest’ultima alla tradizione del ghetto ebraico di Mantova…in ogni caso, la Torta Greca, che oggi vi propongo è una torta che si trova in tutti  i forni della città ed è ottima per una colazione ricca di sapore e di sostanza!

In questo caso l’ho preparata utilizzando la pasta sfoglia preparata in casa con la ricetta del famoso pasticcere Philippe Conticini, che è davvero ottima e profumata e mi sono fatta aiutare dal tanto amato e famigerato Bimby per la preparazione del ripieno: tradizione e innovazione :)

Ho utilizzato una tortiera con anello sganciabile del diametro di 17 centimetri: non mi piace preparare torte eccessivamente grandi che perderebbero in freschezza.
Preferisco, come spesso dico, il poco ma curato, con la possibilità, durante la settimana di assaggiare proposte diverse.

Ma veniamo alla preparazione di questa torta!


Ingredienti per una tortiera da 17 cm di diametro

Pasta sfoglia un disco (io l’avevo preparata nei giorni scorsi e mi è bastato stenderla sul piano di lavoro con poca farina e il matterello)


100 g di burro morbido di ottima qualità
100 g di zucchero
2 uova medie
100 g di mandorle da ridurre in polvere (io ho utilizzato 50 g di mandorle con la buccia e 50 g di mandorle sbucciate)
80 g di cioccolato fondente (non ci sarebbe nella ricetta che conserva mia mamma, ma io lo metto per farla diventare più golosa)
100 g di farina debole
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 cucchiai di latte
½ bicchierino di liquore all’amaretto (opzionale)
1 pizzico di sale

Procedimento

Accendere il forno a 180°.

Foderare il fondo della teglia con carta forno e stendere la pasta sfoglia in un disco sottile da tagliare della misura di circa 22/24 cm. di diametro.

Tritare le mandorle con il cioccolato.

Montare il burro con lo zucchero e aggiungere le uova intere, una alla volta, continuando a sbattere per qualche minuto, dopodiché aggiungere la farina con il cucchiaino di lievito, le mandorle con il cioccolato e il pizzico di sale.

Regolare la consistenza dell’impasto (che non deve risultare troppo sostenuta) con il latte. A piacere, per accentuare ed amplificare l’aroma delle mandorle, potrete aggiungere un mezzo bicchierino di liquore all’amaretto.

Versare l’impasto nel guscio di pasta sfoglia e lasciare cuocere per circa 40/50 minuti, a seconda del vostro forno, controllando che la torta non si bruci e che al termine della cottura, facendo la prova con uno stecco, questo ne fuoriesca asciutto.

Lasciare raffreddare la torta nella tortiera per circa un’ora e poi sformarla e portarla a temperatura ambiente.

Ottima servita a colazione o a merenda: golosissima!







Nessun commento: