Le stecche di...




...prima di tutto di Jim (e vorrei ben vedere), di Diletta, di Federica, sicuramente di tanti altri e soprattutto (è lì che le ho scoperte) di Sara!

Adesso anche un pochino mie!

Le ho preparate per l'Epifania e sono piaciute a tutti, tanto che sono andate a ruba in un attimo al momento dell'antipasto e ho dovuto nasconderne una per accompagnare il secondo...

Le stecche sono:

1- facili, non si deve saper impastare e non bisogna assolutamente aver frequentato lunghi e costosi corsi di panificazione;
2- veloci...beh veloci no, diciamo che bisogna programmarsi e il gioco è fatto.
Se, ad esempio, verso le 20 del giorno prima ci ricordiamo di fare "l'amalgama" potremo il giorno dopo avere pane fresco e fragrante per la cena;
3- buone, super-buone e come ho visto sia da Sara, sia da Diletta, si possono arricchire (noci, rosmarino, e perché no origano, nocciole triate, olive taggiasche...)
4- (ma non so se è un pregio) non avanzano e non rimane pane inutilizzato

La ricetta la riporto da Sara che mi ha fatto conoscere questo pane così com'è:

LA STECCA SENZA IMPASTARE
per 4 stecche

farina forte 455 gr.
acqua fredda (12-18°) 350 gr.
sale 3 gr.
zucchero 3 gr.
lievito secco 1 gr.
olio di oliva, sale grosso, farina o crusca per spolverare

In una larga ciotola, mescolare farina, sale, zucchero e lievito.
Unire l'acqua e mescolare con la mano o con un mestolo di legno finche' gli ingredienti sono appena amalgamati a formare una palla umida e appiccicosa (bastano circa 30 secondi).
Coprire la ciotola con pellicola e lasciare riposare a temperatura ambiente finche' l'impasto e' raddoppiato e la superficie e' coperta di bolle (12 - 18 ore circa).
Spolverare abbondantemente di farina la superficie di lavoro. Rovesciarvi sopra l'impasto, piegarlo su se stesso un paio di volte e poi dargli la forma di una palla un po' appiattita, tenendo la "cucitura" verso il basso.
Mettere un panno da cucina sul ripiano, cospargerlo di crusca o farina e disporvi sopra la pagnotta.
Spennellare la superficie di olio di oliva e cospargere di sale grosso. Se l'impasto e' appiccicoso, spolverarlo ancora con un po' di farina o crusca. Richiudere sopra di esso il panno e lasciarlo lievitare ancora per una o due ore.
Dovra' circa raddoppiare. L'impasto e' pronto quando, affondando un dito, mantiene l'impronta senza ritornare indietro.
Circa mezz'ora prima della fine della seconda lievitazione, accendere il forno e portarlo a 250. Rivestire una teglia di carta forno, senza ungerla d'olio.
Dividere l'impasto in 4 parti, e con delicatezza allungare ogni pezzo formando una stecca della lunghezza della teglia. Disporre le stecche parallelamente, distanziandole circa 1.5 cm l'una dall'altra. Spennellarle di olio e cospargerle ancora con del sale grosso.
Cuocere nel forno caldo per 15-25 minuti, finche' la crosta e' dorata. Far riposare le stecche nella teglia ancora per 5 minuti, poi disporle su una grata e farle raffreddare completamente.


Si possono arricchire con noci, olive verdi e nere, uvetta...spazio pieno alla fantasia!



Commenti

manuela e silvia ha detto…
Ti sono riuscite benissimo! Davvero brava!
baci baci
paolaotto ha detto…
Mi sembrano davvero buonissime...le proverò sicuramente! Grazie. un bacione. Paola
Alex ha detto…
Queste stecche mi perseguitano!!! le devo fare, che ne dici?...e poi ti sono venute così belle...non ho più scuse, a breve saranno mie!!!
Barbara ha detto…
Alex ti dico di provarle...anche io sono stata "perseguitata" per un po' da questo pane senza impasto: mi ha conquistata!

Paola grazie e buon week end: ci vediamo lunedì...sai che ho un "conticino" in sospeso! Ricordiamoci!!

Manuela e Silvia: grazie!
Caralulù ha detto…
Mi sa che le provo sono della famiglia del pane senza impasto che faccio spesso. Io da un pò non uso più la farina "di forza" tipo manitoba perchè troppo ricca di glutine al quale inizio ad essere intollerante, uso la "00" o anche la "0". Il mio lievito madre è ugualmente vivo e vegeto e quindi proverò la versione PM poi ti faccio sapere,sono davvero invitanti. Bacio Lulù
luna ha detto…
wow che meraviglie!!! devo assolutamente provarle! Grazie!!!
E... auguri di buon anno anche se con ritardo...
Lo ha detto…
uhhh ma queste stecche mi sanno di buono buonissimo...complimenti :) un bacione
Diletta ha detto…
Barbarina che belle!!!!
Io continuo a rifarle...variandole sempre...e sono sempre di un buono...
Un sorriso senza impastare,
D.
Anonimo ha detto…
Ciao, era da un po' che facevo il pane in casa ma grazie a te e ad alcuni tuoi link mi sono avvicinata al pane senza impasto. E' stata una rivoluzione copernicana! Io non ho la macchina del pane e non la voglio assolutamente. Quindi mi erano preclusi gli impasti più idratati. Per fare la pizza romana, un giorno che ho provato con la tecnica dello "sbattimento", il vicino mi ha chiesto se avevo il fabbro in casa!
Invece così faccio una pizza bianca buonissima e un pane meraviglioso. Queste stecche le ho fatte stamattina e, a parte, una forma... un po'così, perchè non riuscivo a tirare bene, il sapore e la consistenza sono strepitosi.
Grazie
Saluti cari
Francesca
Vale ha detto…
ci credo che le abbiano provate in tanti queste stecche... E il nome nemmeno gli rende giustizia! sono sfiziose e tutte da sgranocchiare...
Alessandra ha detto…
che meraviglia! Il tuo blog mi piace moltissimo. Complimenti!
Ely ha detto…
belle! le voglio proprio provare :-) ciao Ely
Francesca ha detto…
complimenti per il blog, l'ho scoperto per caso proprio ora!!!
Adesso me lo guardo tutto pian pianino...
Ciaoo
Franci
Se sono queste le stecche di cui mi hai parlato .. quasi quasi ci provo !! Non posso sbagliare anche queste ...
mi paice un sacco il tuo bloggino!:D
Mara ha detto…
eccole qua! da oggi ti seguo...e ti scopiazzo le ricette!
un abbraccio
Francesca Cimarelli ha detto…
Nooooo fantastiche, le voglio fare! Posso farle col lievito madre questo fine settimana! Favolose Barbara!!
Barbara ha detto…
@ Francesca con il lievito madre vengono che è un spettacolo! Provare per credere ;)

Post più popolari